Menu

Barolo docg Vignarionda 2006

RISERVA DI 10 ANNI

vignarionda2006
Vitigno
Nebbiolo 100%

Vigneto
Comune: Serralunga d’Alba, Foglio n. 8,
Particelle n. 335, 340 
Superficie del vigneto: 0,77 Ha

Età delle viti
variabile. La parte centrale, più ampia, impiantata prima dell’acquisto della vigna da parte della famiglia Oddero, risale probabilmente al 1972, la parte più in alto ( circa 240 ceppi) è stata impiantata nel 1983 e quella più bassa ( 300 ceppi circa) nel 2007. 

La produzione di Barolo Vignarionda inizia per la nostra famiglia nel 1985, con poche bottiglie e prosegue negli anni successivi con delle eccezioni. Infatti non è stato prodotto nel 1992, 1994, 2002, nel 2003 le bottiglie prodotte sono state solo 1.200.
La produzione a partire dal 2010 è compresa tra 2.700 e 3.000 bottiglie annue.

Andamento climatico del 2006
Figlio di un inverno piuttosto lungo, con abbondanti precipitazioni di neve e pioggia.
L’andamento climatico è stato abbastanza nella norma fino a luglio compreso, seguito da un agosto decisamente più fresco e da una ripresa delle temperature giornaliere a settembre, accompagnate dal ritorno delle piogge. 

Epoca di raccolta delle uve Nebbiolo: 4 ottobre 2006

Resa 53 q/Ha

Fermentazione e macerazione
fermentazione regolare con rimontaggi e delestage della durata di 25 giorni

Durata dell’affinamento
dal 1 gennaio 2007 fino al 1 agosto 2011 in botte di rovere austriaco da 30 Hl; dal 2011 fino ad ora in bottiglia.

Numero di bottiglie prodotte da 0,75 l: 2.660;
Numero di magnum da 1,5 l: 153
Numero di jeroboam da 3,00 l: 20

A partire dall’annata 2006 la nostra famiglia ha deciso di regalare al Barolo Vignarionda 10 anni di affinamento in cantina, prima della sua presentazione sul mercato.


Caratteristiche organolettiche
Colore: rubino granato intenso, profondo, limpido Naso: note agrumate, di ribes rosso, di sottobosco, di calcare bagnato, naso non completamente espresso, ma che inizia a guadagnarsi sensazioni più ampie Bocca: più rilassata rispetto al naso, ampia, molto minerale, tannino non aggressivo, lungo, senza astringenze particolari.

Note
La forma del vigneto ne giustifica il nome, Vigna Rionda, o Arionda, o Rotonda: bel vigneto, una conca di filari con giacitura completamente a pieno sole. Venne acquistata dalla famiglia Oddero nel 1985: la Vigna Rionda, come tutti i terreni di Serralunga, Castiglione Falletto e Monforte appartiene ad una particolare formazione geologica, detta Elveziano miocenico, di origine terziaria, ricca di depositi calcarei, marne, sabbie fini, arenarie, alternati a residui minerali di organismi animali e vegetali. Inoltre la Vigna Rionda è ben riparata dalla collina di Castelletto dai venti di Nord-Ovest, dai ritorni di freddo invernali; ha un microclima eccellente per la coltura della vite.

 

 
×
×

Log in